C'era una volta il gelato

Categoria: Il Gelato

Il Gelato è un alimento antichissimo e nobile. Per le sue qualità nutritive e per la golosità della sua composizione si è guadagnato negli anni il podio tra gli alimenti più amati di sempre. La produzione e il consumo di questo alimento risale ai tempi dell'antica Roma. Ma pare che anche la civiltà greca, araba e cinese ne conoscessero i segreti. I Faraoni d’Oriente erano soliti offrire ai loro ospiti calici d’argento divisi in due parti, una contenente neve e l’altra succhi di frutta. Alessandro Magno commissionava un composto di frutta, spezie, miele e neve  prima delle sue battaglie e fece costruire apposite buche scavate nel terreno (denominate Neviere) atte a conservare i composti. Più tardi Caterina de' Medici giurò di mandare per aria le Nozze se  il  pollivendolo Ruggieri, campione di gara tra cuochi creativi toscani indetta dalla stessa Corte, non avesse inserito " il premiato dolcetto gelato" nel Menù del suo banchetto nuziale.  Ce ne sarebbero molti di aneddoti storici legati al Gelato, tanti che persino Napoleone, sprovvisto di denaro per pagare creme gelate offerte ai suoi ufficiali, lasciò in pegno il suo Bicorno a Procopio dei Coltelli,  cuoco siciliano, che nel 1686 riuscì a preparare "una ricca miscela gelata".  Naturalmente il gelato di allora era ben diverso da quello di oggi. Nel IX sec gli Arabi importarono in Spagna e Sicilia la coltivazione della Canna da Zucchero, ingrediente madre nelle preparazioni dolci. Gli Arabi colsero la gradevolezza delle miscele di infusi a base di acqua, zucchero, erbe e spezie e decisero di raffreddarle  in recipienti circondati da ghiaccio e sale, per renderle dissetanti e rinfrescanti. Nacque così il nostro Sorbetto. Molto si è scritto sull' etimologia di questa parola, dai latini ai turchi, ma la più accreditata è che potrebbe derivare dalla parola araba "sherbeth" (bevanda fresca) o dalla voce turca "sharber" (sorbire). Oggi il gelato per fortuna,  è decisamente più semplice da produrre e pronunciare, ma non per questo meno magico. In tempi relativamente più recenti, l'aspetto alchemico del Gelato incontra un metodo di raffreddamento meno poetico, ma più efficace: un mastello pieno di ghiaccio e sale dove un cilindro metallico con l'impasto da gelare viene girato con una manovella dalla statunitense Nancy Johnson, che nel 1846  mette a punto la prima gelatiera. Due anni dopo William Young si preoccupa di applicare un motore al mastello, consentendo un raffreddamento più uniforme del composto.Così la vera rivoluzione si registra all'inizio del '900 con l'introduzione della sorbettiera a motore. Dall'Antico Egitto alla Cremeria moderna, Il gelato è diventato uno dei dessert più diffusi e conosciuti di tutti i tempi e, grazie alla bontà degli ingredienti della tradizione alimentare italiana, porta con fierezza l'autenticità del made in Italy in tutto il mondo.

 

 

1-Greci-Romani.jpg 2-Neviere.jpg 3-Nozze-CaterinaDeMdici.jpg

4-Napoleone.jpg 5-Miscelatore.jpg 6-Miscelatore-per-dolci.jpg

7-Attrezzi.jpeg 8-Gelato-800.jpg 9-Gelato-900.jpg